ANALISI POSTURALE

L'analisi della postura rappresenta un elemento fondamentale nella valutazione dello stato di equilibrio di un individuo. Volendo dare una definizione semplice, si può definire la postura come la posizione che assume il corpo nello spazio e la relazione spaziale che assumo reciprocamente le varie parti del corpo al fine di garantire la posizione eretta e il movimento (funzione antigravitaria statica e dinamica). In realtà è possibile reperire numerose definizioni di postura, dalle più meccanicistiche a quelle più mentalistiche.

Nei centri salute FisioMedicalCenter si effettuano gli esami posturali tramite una strumentazione dedicata a valutare il posizionamento del corpo nei tre piani dello spazio. La postura viene acquisita su computer per mezzo di fotocamere digitali ed archiviata nella cartella del paziente, così come l'impronta podalica al podoscopio a fluorescenza. Le immagini posturali, in vista frontale, posteriore e laterale, vengono analizzate tramite un software dedicato. E' così possibile effettuare misurazioni di deviazioni ed angoli geometrici sui punti di repere di interesse che vengono opportunamente memorizzate al fine valutarne le modifiche nel tempo.

Questa analisi risulta particolarmente utile nella monitorazione dei dismorfismi del rachide (ad esempio nella scoliosi) e nei paramorfismi (ad esempio nel dorso curvo giovanile). È altresi un elemento importante per la valutazione, ed il successivo trattamento, di tutte le problematiche a carico del sistema muscolo-scheletrico di carattere cronico.

SPORT  & POSTURA

La postura corretta nello sport è di fondamentale importanza per ogni atleta, o sportivo amatoriale, che voglia migliorare le sue performance.

Ormai, è un dato di fatto che l’attività motoria e lo sport siano un comune denominatore di moltissime persone.

Diversi sono i motivi per cui le persone si approcciano allo sport: per voler stare bene, per migliorare il proprio aspetto, il benessere generale e per ridurre gli stati di stress legati alla vita quotidiana.

Tuttavia, come tutte le attività fisiche, bisogna tenere conto che fare sport comporta del sovraccarico che vanno a sollecitare muscoli, tendini e articolazioni molto di più di chi invece conduce una vita più sedentaria.

Lo sportivo è un soggetto che per avere il miglior risultato porta il corpo al proprio massimo, attraverso allenamenti mirati e personalizzati.

È quindi chiaro che, se si presenta un dolore o un infortunio, la prestazione atletica ne risentirà, ma spesso alla maggior parte ancora non è altrettanto chiaro come la postura corretta incida sulla performance.

Come possiamo aiutare il corpo a raggiungere la miglior forma fisica? Innanzitutto con un giusto allenamento, che miri alla potenza, alla resistenza e che non dimentichi l’elasticità; in secondo luogo con una buona postura.

Avere una corretta postura ci consente di mantenere la corretta angolazione delle articolazioni e il mantenimento delle curve fisiologiche del rachide.

Negli sportivi, anche una minima variazione di equilibrio nella postura si può tradurre in variazioni dell’Intensità della forza e delle capacità di coordinazione, oltre a provocare l’insorgere di uno stato di tensioni muscolari che si ripercuotono negativamente sull’intero corpo, diminuendone le potenzialità atletiche globali e peggio ancora essere causa di infortuni.

La corretta postura negli sportivi gioca un ruolo fondamentale per la prevenzione degli infortuni e, inoltre, assicura un aumento delle performance sportive proprio perché riduce notevolmente le retrazioni che frenano la potenza muscolare.

Nel medio e lungo periodo una postura corretta sarà da garante per un corpo che si mantiene sano, in cui il rischio di infortuni da sovraccarico verrà a ridursi notevolmente.

Ottimizzare le dinamiche posturali, sia in stato di riposo che durante la prestazione sportiva, vuol dire consentire all’atleta di evitare dispendio di energie per la correzione degli atteggiamenti negativi. E le energie risparmiate possono essere in questo modo utilizzate per migliorare la performance (sia essa agonistica che non).

Questo discorso è ancora più importante per tutti i dilettanti che sono quasi sempre accompagnati da fastidi ricorrenti più o meno gravi

Coppia in esecuzione
Femminile sorriso a trentadue denti bianco

MALOCCLUSIONE
POSTURA
e TEETHAN

“MALOCCLUSIONI, POSTURA E TEETHAN”

Si parla di malocclusione dentale quando i denti dell'arcata superiore non sono perfettamente allineati con quelli dell'arcata inferiore. In altri termini, la malocclusione dentale è un anomalo rapporto tra i denti della mascella e quelli della mandibola.

L'imperfetta occlusione delle arcate dentarie può esser causa di disarmonia funzionale o morfologica (strutturale), tale da ripercuotersi negativamente anche su altre sedi anatomiche. Basti pensare, ad esempio, che una malocclusione dentale, oltre a disturbi masticatori, può provocare anche cervicalgia (dolore cervicale), scoliosi, mal di schiena, mal di testa, acufene (ronzii agli orecchi) etc etc.

Chiaramente, i sintomi dipendono dalla gravità della patologia.

CAUSE

La causa della malocclusione dentale è spesso ereditaria, il che significa che l'anomalia strutturale è tramandata geneticamente.

Tuttavia, in alcuni pazienti, la malocclusione dentale non dipende da malformazioni genetiche, quanto piuttosto da atteggiamenti comportamentali scorretti o da altre patologie, come:

* Abitudine infantile a succhiarsi il pollice, spingere la lingua contro i denti, utilizzare il ciuccio dopo il compimento del terzo anno di vita, uso prolungato del biberon

* Bruxismo (tendenza a serrare i denti, anche e soprattutto durante la notte)

* Interventi dentali malfatti o non perfettamente riusciti, come otturazioni dentali, incapsulamento del dente ed impianto dentale

* Perdita di uno o più denti permanenti

* Denti gravemente scheggiati e non ricostruiti

* Tumori della bocca e della mandibola

* Frattura mandibolare in età infantile

* Artrite reumatoide

SINTOMI

La malocclusione dentale può provocare sintomi mandibolari ed extramandibolari, fino a coinvolgere il rachide, che è quello che a noi interessa di più.

La diversità dei sintomi (così come la loro gravità) dipende dunque dall'entità della malocclusione dentale:

* Acufeni o ronzii alle orecchie, vertigini ed otalgie (sintomi spesso associati a Disordini cranio-mandibolari)

* Ripercussioni sulla colona vertebrale: cervicalgie, mal di schiena, scoliosi

* Infortuni muscolari agli arti inferiori negli sportivi

DIAGNOSI

Tra i test diagnostici, le radiografie di arcate dentarie, testa/cranio, e faccia sono spesso richieste per verificare la gravità di una malocclusione dentale.

TEETHAN - novità nei nostri centri

TEETHAN è un dispositivo medico altamente professionale e innovativo tramite il quale è possibile misurare in modo rapido e non invasivo il bilanciamento dell’occlusione dentale per poter verificare con estrema precisione la presenza di malocclusioni e definire le terapie più adatte per il ripristino dell'allineamento naturale delle arcate dentarie.

VANTAGGI del Teethan

L'utilizzo di un dispositivo digitale all'avanguardia come il Teethan comporta numerosi vantaggi, tra questi i più evidenti sono:

* Velocità ed estrema precisione nella valutazione della condizione occlusale.

* Assolutamente non invasivo e indolore.

* Possibilità di monitorare l'evolversi dell'occlusione nel tempo, in quanto i risultati vengono memorizzati e possono essere consultati in qualsiasi momento, anche a distanza di anni, evitando dannosi radiazioni assorbite con le radiografie.

MALOCCLUSIONE
POSTURA
e MIOSET

"MALOCCLUSIONI, POSTURA E MIOSET"

Il MIOSET è un dispositivo endorale che ha lo scopo di resettare le funzioni dell’apparato locomotore e stomatologico ed eliminare tutti quei disturbi sintomatici.

A COSA SERVE IL MIOSET?

Il termine MIOSET deriva dall’unione del termine mio = muscolo e della parte terminale della parola reset come l’analogo tasto del P.C. che fa ripartire il sistema senza errori di funzionamento: da questo il termine “resettare un sistema”.

Molto spesso gli squilibbri della mandibola (malocclusione) causano sintomi quali stanchezza muscolare, rigidità nucale o dolori cervicali, dolori lombari, cafalee e mal di testa frequenti (tutti acuiti nelle prime ore del mattino), ed ancora rumori o scrosci articolari durante la masticazione, vertigini, otodinie, ipoacusie, acufeni, ronzii e senso di ovattamento. E il MIOSET in queste patologie riesce, riassestando la mandibola, a migliorare notevolmente le sintomatologie.

Da esami clinici e studi Universitari (reparto di Gnatologia clinica dell’Istituto di Cura Calvary Hospital, dell’Università degli Studi di Roma TOR VERGATA) è emerso, che con il MIOSET, si ottiene un miglioramento notevole nella sintomatologia dei pazienti, che non avevano ottenuto invece con le classiche cure precedenti (antiinfiammatori, miorilasanti e fisioterapia).

VANTAGGI

- Semplicità di utilizzo

- Efficacia dimostrata

- Costo molto inferiore ad un bite

- Non accumula placca batterica

- Alta tolleranza biologica ed allergica

gnatologia-1.jpg